giovedì 22 settembre 2011

100 grammi: Maglietta baby, calda e veloce / Gilet rapide

Finalmente ce l'ho fatta!
I famosi 50 grammi di lana non sono stati sufficienti, mancavano dieci righe sì e no per terminare il livello base della magliettina. Vuoi perché l'uncinetto rispetto ai ferri "mangia" di più, vuoi perché ho seguito misure che, forse, per un gilet sono fin troppo generose, sono andata a cercare un secondo gomitolo. Fortuna vuole che la MartiFil - Vimar 1991 avesse riprodotto un bagno di rosa praticamente identico al mio (vecchio) gomitolo di Supermerinos. Affascinante è il termine giusto per questa lana: morbidissima, compatta, si lavora bene perché è ritorta ma non troppo, quel tanto che basta per non disfarsi e lasciare fili che spuntano, ma allo stesso tempo per far risaltare il colore.
Morale, il regalo per una bimba che non ho ancora conosciuto è diventato il maglioncino nuovo per la nativadigitale: infatti, seguendo le indicazioni dello schema originale di Crochet et compagnie, mi sono trovata con misure adatte alla mia piccola che ha già compiuto un anno (e che ho a portata di mano per provare e correggere cammin facendo).
Questa volta ho lavorato in verticale anziché in orizzontale. Una catenella di 20 centimetri, con uncinetto 3 e la Supermerinos sono 45 catenelle, poi un numero dispari di righe a maglia alta: 8 centimetri circa sono 9 righe. Per la scollatura davanti, alla decima riga mi sono fermata a quattro maglie dalla fine e ho chiuso assieme le ultime tre maglie alte. Tre catenelle per girare, altre due m.a. chiuse assieme e le cinque righe successive senza aumenti o diminuzioni. Alla 17esima riga ho aumentato, lavorando altre due m.a. nell'ultima m.a. e altrettanto all'inizio della successiva. Alla 19esima ho recuperato le maglie lasciate prima con 4 catenelle più 3 per girare. Ancora 9 righe e il davanti è terminato.
Ho poi eseguito 3 righe da 20 maglie per il fianco destro, poi ho recuperato le 25 con catenelle per il dietro. A mano a mano che completavo le righe, univo con mezze maglie basse alla metà spallina del davanti. Il dietro è lavorato come il davanti, con l'unica variante di diminuire (e poi aumentare) solo una riga per la scollatura, ma mantenendo lo stesso numero di righe.
La seconda spallina è lasciata libera e chiusa poi con un bottone.
Terminate le righe del dietro, ne ho lavorate ancora tre da 20 maglie, chiudendo poi il lavoro dopo l'ultima: una mezza maglia bassa puntata ora su un lato ora (dopo una catenella) sull'altro.
Senza spezzare il filo ho iniziato subito la ruche in fondo alla maglia: 4 maglie alte in ogni m.a.; poi una riga a m.a. e altre due diminuendo ogni sei e ogni cinque maglie.
Per le maniche, ho realizzato solo un piccolo sbuffo in alto e chiuso la parte sotto l'ascella.
Ecco il risultato: ultima chicca, una mini patta (anch'essa con ruche) e un bottone fucsia a forma di cuore per chiudere l'apertura sulla spalla.

Nessun commento:

Posta un commento