lunedì 24 ottobre 2011

Moda: Eco-filati dal latte, ma anche da bambù, mais, legno, zucchero

Non solo lavorare a maglia (ai ferri, all'uncinetto, con qualunque tecnica) è diventato di moda, ma gli ultimi anni hanno portato un'esplosione di nuovi materiali, che dividono la propria personalità tra l'ecologia e l'anallergico.
Il primo marchio noto a produrre filati in fibra di latte è stata (forse) Laines du Nord con il suo Baby Milk, perfetto per i piccoli prematuri. Anche il bambù si difende bene, ma degli altri, mais, legno e zucchero, non avevo ancora sentito parlare. Filati Maclodio, a Brescia, abbina la fibra di latte "milkofil" al "cashmere vegetale" in polpa di legno "Lenpur", invece che con la lana. «L'idea di trasformare il latte in fibra non è nuova - spiegano alla Maclodio - I primi esperimenti risalgono agli anni '30, quando Antonio Ferretti diede vita al «Lanital», un tessuto a base caseinica commercializzato negli anni della propaganda autarchica. Il tessuto ebbe un successo passeggero perché le tecnologie di allora non producevano prestazioni adeguate alle necessità. Noi abbiamo ripescato l'idea e l'abbiamo sviluppata alla luce delle attuali conoscenze scientifiche e tecnologiche». Stanno anche studiando come trasformare anche amido, zuccheri, mais, per ottenere filati che possano essere benefici per la pelle, oltre che belli da indossare.
Ora una designer annuncia una vera e propria linea di abbigliamento basata sulla fibra di latte. Lo segnala Giovanni D'Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale "Tutela del Consumatore" di Italia dei Valori e fondatore dello "Sportello dei Diritti".
Anke Domaske, designer tedesca di 28 anni, assieme a Mademoiselle Chi Chi ha dato vita a QMilch, una linea di abiti realizzati in tessuti di fibra di latte. La loro "ricetta" indica una proporzione di sei litri di latte (scaduto) e due di acqua, per ottenere una sostanza compatta e filamentosa, priva di additivi chimici, fatta di sola caseina. La nuova linea potrebbe essere messa in commercio già nel 2012.

Nessun commento:

Posta un commento