domenica 10 marzo 2013

Pendenti leggerissimi e preziosi

Da tempo mi chiedono "gioielli" all'uncinetto. Naturalmente sono partita subito con grandi idee, pensando di poter lavorare a pizzo anche un filo semi rigido dorato o ramato: grande errore! È difficile e il risultato non mi piace.
Ridotta a più miti consigli, ho tirato di nuovo fuori cotone fine e perline e, più che sui materiali, ho cominciato a sperimentare forme e tipi di lavorazione.
Le mie personali regole di base sono sempre quelle: se possibile pezzi unici e non da attaccare, niente ago e niente colla.
Per ora ci siamo, guardate i risultati.
Ho usato un filo di lamé oro o argento per dare più lucentezza ai filati.
Partendo dall'alto di questa prima serie di orecchini (mancano però i preferiti della nativadigitale che me li ha fatti indossare subito) abbiamo un semplice ricciolo, in cotone screziato rosa-arancione e lamé oro: ho avviato 14 foundation single crochet, ma nella mia versione, e sono tornata indietro lavorando quattro maglie alte in ogni maglia di base.
Scendendo sul lato sinistro, ci sono due "ruote" prese da modelli semplici che potete trovare su internet o anche su molte riviste. Nella ruota azzurrina, le perle rosse sono state inserite prima di cominciare la lavorazione: in quel caso, invece del pippiolino ho lavorato una catenella, fatto scivolare la perla chiudendo con una catenella e poi ancora una terza. La perla in centro è invece stata lasciata in fondo all'anello magico di avvio e inglobata subito nella lavorazione.
I due modelli sulla destra sono invece esperimenti di chiacchierìno all'uncinetto: gli anelli sono montati sull'uncinetto e uniti con un cappio che li attraversa da parte a parte. Devo perfezionare la tecnica, che mi incuriosisce molto.
E voi che ne dite?

Nessun commento:

Posta un commento